Build.it

15/02/2007 - Codice dei contratti: il testo del 2° Decreto correttivo

Approvato dal Consiglio dei Ministri del 25 gennaio u.s., lo schema di decreto legislativo correttivo (2° decreto correttivo) del Codice dei contratti pubblici, di cui si riporta il testo.

Sullo schema di decreto legislativo dovranno essere acquisiti i pareri prescritti prima di essere definitivamente approvato dal Consiglio dei Ministri.
Lo schema di decreto contiene ulteriori norme modificative e correttive del medesimo Codice dei contratti pubblici finalizzate ad accrescere la trasparenza, a snellire le procedure, a garantire una maggiore aderenza al dettato comunitario.
È contenuto all’interno del 2° decreto correttivo quanto spiegato il 24 gennaio u.s. in una Conferenza stampa congiunta del Ministro delle infrastrutture Antonio Di Pietro e dal Ministro del Lavoro e della Previdenza sociale Cesare Damiano: maggiore tutela dei lavoratori sia sotto il profilo della sicurezza e tutela dei lavoratori che sotto l’aspetto della regolarità contributiva.
Nel 2° decreto correttivo al Codice dei contratti si prevedono 3 misure fondamentali per la tutela e sicurezza dei lavoratori dei lavori pubblici:


  1. Inserimento della regolarità contributiva tra i requisiti SOGGETTIVI per partecipare alle gare
    Regolamentazione del DURC (documento unico di regolarità contributiva)
    La misura permette di generalizzare, a livello regolamentare, le disposizioni in materia di regolarità contributiva


  2. Previsione che tutti i soggetti appaltanti provvedano al pagamento dei contributi e delle retribuzioni dovute ai lavoratori in caso di INADEMPIMENTO del soggetto appaltatore
    Il regolamento generale potrà disciplinare in modo uniforme, nel rispetto del riparto di competenze tra Stato e Regioni, la tutela dei lavoratori e il pagamento dei dipendenti dell’appaltatore
    In tali casi, il soggetto appaltante si rivale in sede di pagamento di quanto dovuto all’appaltatore


  3. Inserimento del provvedimento interdittivo, seguito alla sospensione del cantiere con lavoratori irregolari, tra le cause di esclusione dalle gare
    La misura esclude esplicitamente dalle gare i soggetti incorsi nelle previsioni dell’articolo 36 bis del “decreto Bersani”, allo scopo di garantire al massimo la tutela dei lavoratori sui luoghi di lavoro




DOCUMENTI COLLEGATI



SCHEMA 2° DECRETO CORRETTIVO''
Vedi (in formato .PDF)


NOTIZIE COLLEGATE




Codice dei contratti: pubblicato in gazzetta ufficiale il decreto correttivo

Codice dei contratti: 1° decreto correttivo e sicurezza e tutela dei lavoratori nei lavori pubblici

Linee guida “Testo unico su salute e sicurezza sul lavoro”


TESTI COLLEGATI




CODICE CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE

TESTO UNICO LAVORI PUBBLICI